logo-fraternitas-small

A fine anno si parla molto di pace, ma la guerra divampa in tutti i continenti.

Ricordo che a fine anno del 1933 ci furono le prime elezioni in cui votarono anche le donne in Spagna: le sinistre rifiutarono il risultato e provocarono la sanguinosa insurrezione nelle Asturie. Dal ′33 al ′36 si contarono in Spagna violenze a migliaia, mentre centinaia di chiese venivano distrutte. Fu allora che Franco proclamò la rivolta, unendo mussulmani e cristiani, contro l’ateismo e il materialismo.

Gli fece eco l’Arcivescovo Primate di Toledo con queste parole: “Qui è una lotta dei senza Dio contro la religione cattolica e contro la civiltà: questa guerra è una crociata”. Giudizio che fu ribadito da Pio XII nel 1939 quando la guerra di Spagna si concluse con la sconfitta dei persecutori, che si rifugiarono in Francia e in Russia.

Ebbene, anche in questo fine anno, non lontano da noi, c’è la guerra, e se ci domandiamo chi da tanti anni la provoca e l’alimenta, tutti essendo mascherati, non c’è dubbio che è contro Dio e contro la civiltà che si combatte.

E anche qui in Italia non si combatte contro l’ordine naturale stabilito da Dio, mediante l’aborto e l’eutanasia? E inoltre non potrebbero suscitare gravi disordini le ripetute false promesse di lavoro ai giovani disoccupati, sfruttati e umiliati, costretti a migliaia e migliaia a fuggire da questa patria che si dimostra di decennio in decennio solo matrigna?

Don Ennio Innocenti

Spiacente, I commenti sono chiusi al momento

© 2011 Sacra Fraternitas Aurigarum Urbis Suffusion theme by Sayontan Sinha