logo-fraternitas-small

Quando visitai Cipro, sacra a Venere, vi ammirai le lussuose orme dei Romani, forse memori che la Dea protesse Enea; seguendo le tracce del convertito Saul, di lì passai in Turchia, dove mi resi conto della stupefacente ricchezza del Proconsole romano Sergio Paolo, proprio colui che inviò Saul-Paolo nella stessa zona.

Per godere dei poteri proconsolari questo personaggio doveva essere già al culmine del “cursus honorum” e difatti abbiamo traccia della sua competenza sul corso del Tevere. Questo fiume, terzo della nostra penisola, nasce in Romagna, lambisce la Toscana, attraversa l’Umbria e la Sabina laziale e sfocia nel Tirreno tra le saline, indicando a Roma la sua promettente centralità tra il nord etrusco e il sud latino-sannita-flegreo, ma anche il suo destino marinaro (dimostrato dalla prima sua moneta che esibisce, appunto, una prora). Il fiume fu di vitale importanza per l’affermazione iniziale della prosciugata valle urbana, ma ancor di più per la metropoli imperiale, costituendo la vena del benessere che le giungeva dal mare.

Proprio i Sergi garantivano, con continui specialistici lavori, l’efficienza di questa vena, sempre instabile, anche dopo i grandi lavori di Claudio terminati in un ampio porto, poi sostituito da quello di Traiano.

Perciò non meraviglia né il favoloso acquisto nella regione oggi turca (dove Sergio Paolo indirizzò il suo paterno missionario) né lo stesso suo proconsolato in Cipro, funzionale alla sua invidiabile proprietà e di vitale importanza strategica. La parentela spirituale che legò l’Apostolo Pietro alla potente famiglia dei Corneli, ebbe il suo omologo nella parentela spirituale dell’Apostolo Paolo con la potente famiglia dei Sergi, presto rafforzata dai legami con la famiglia degli Annei, come ho dimostrato nel mio volume “Gesù a Roma”, oggi in quinta edizione.

La Provvidenza divina aprì presto ampie strade apostoliche, fenomeno riscontrabile anche in altri luoghi e tempi, come – ad esempio – nel ’500 e nel ’600 nell’Asia più lontana per gli emuli dell’Apostolo Paolo, sotto lo sguardo del successore dell’Apostolo Pietro.

Don Ennio Innocenti

Spiacente, I commenti sono chiusi al momento

© 2011 Sacra Fraternitas Aurigarum Urbis Suffusion theme by Sayontan Sinha