logo-fraternitas-small

Esce in questi giorni la seconda edizione dell’opuscolo La crisi italiana da Wojtyla a Bergoglio, di Ennio Innocenti (la prima edizione si fermava a Ratzinger).

L’Autore ha trattato della crisi italiana in opere di respiro come Epopea Italica e Il Potere Temporale dei Papi, cui si è aggiunto recentemente Critica alla Carta Costituzionale.

Egli utilizza qui quel vasto affresco per una breve introduzione dell’opuscolo che si svolge poi in quattro parti.

Inquadra, dapprima, la matrice storico-culturale di Wojtyla e di Ratzinger per poi caratterizzare l’apporto papale al raddrizzamento spirituale italiano nell’epoca del crollo sovietico e del predominio statunitense.

Successivamente prende forma il profilo papale di Bergoglio, omettendo però ogni riferimento al suo periodo argentino.

E’ quasi un’analisi della discussa personalità del Pontefice ecumenista il quale non è ancora riuscito nel suo proposito di riformare il governo ecclesiastico, ma ha tentato uno speciale rapporto d’intesa col popolo.

L’Autore evoca la memoria dell’intesa realizzatasi tra papato e popolo al tempo del secolo XI – XII e sembra auspicare che si possa riprodurre (“mutatis mutandis”) in un prossimo futuro, qualora i Papi successivi a Bergoglio perseverino in questo progetto. Egli non vede altri motivi storici decisivi nella prospettiva del riscatto spirituale della nostra Nazione.

Alberto Fedeli

Spiacente, I commenti sono chiusi al momento

© 2011 Sacra Fraternitas Aurigarum Urbis Suffusion theme by Sayontan Sinha