logo-fraternitas-small

La disputa ecumenica sull’intercomunione eucaristica coi protestanti non può esimersi di accertare le seguenti questioni:

1)    I Protestanti credono davvero che Gesù è Dio, il pane eucaristico è il Corpo di Lui?

Come le loro varie cristologie fanno dubitare della prima parte della domanda, così le loro varie filosofie fanno dubitare della seconda parte.

2)    I Protestanti credano davvero che Gesù Dio abbia con le parole eucaristiche attualizzato davanti ai suoi amici il suo dono sacrificale?

La loro insistenza esclusiva sul significato conviviale e simbolico dell’Eucarestia lo fanno dubitare.

3)    Ammesso che i Protestanti rifiutino il tentativo romano di attenuare l’evidenza dell’apparente contraddizione tra i sensi corporei e il consenso spirituale, tramite il concetto di sostanza, credono davvero che il comando divino Fate Questo sia rivolto esclusivamente agli amici (da tempo preparati al grande mistero del suo dono sacrificale e della sua resurrezione) e quindi agli eredi diretti della loro missione evangelizzatrice nei secoli?

Qualora essi rispondono positivamente alle tre domande, essi devono riconoscere d’aver interrotto la successione apostolica e di essere privi del mistero eucaristico ecclesialmente ordinato.

Quest’ultima ammissione vale anche per gli Anglicani: anch’essi hanno interrotto la successione apostolica.

Don Ennio Innocenti

Spiacente, I commenti sono chiusi al momento

© 2011 Sacra Fraternitas Aurigarum Urbis Suffusion theme by Sayontan Sinha