logo-fraternitas-small

Quando l’incendio danneggiò ancora una volta la Cattedrale di Parigi, abbiamo visto una processione di Capi di Stato che mostravano di ricordarsi della storia cristiana d’Europa.

E se un incendio o un terremoto danneggiasse le Basiliche Papali di Roma, i Capi dei popoli si ricorderebbero di ciò che rappresenta Roma? Altro che capitale d’Italia. Sì, è senz’altro comprensibile che gli Italiani abbiano voluto farne la loro capitale, ma Roma, oltre ad essere stata la fondatrice di un Impero dominante per secoli e secoli su tanti popoli, è stata (ed è fino al presente) il centro promozionale della civiltà cristiana.

La Basilica di San Pietro potrebbe crollare, ma il suo significato va ben oltre Michelangelo e perfino ben oltre i Papi: è il simbolo incrollabile del centro dell’evangelizzazione mondiale iniziato da Pietro, che vi è sepolto.

Vogliamo ricostruire la Cattedrale di Francia? Facciano pure, se vogliano tenere viva la memoria della storia europea.

Quanto alla Basilica di San Pietro non occorrerebbe ricostruirla per mantenere il suo simbolo, il suo significato, perché il fiume di gente di ogni colore, che affluisce alla Basilica, viene lì a piangere il peccato e invocare la redenzione che supera la nostra civiltà e anche la futura.

Don Ennio Innocenti

Spiacente, I commenti sono chiusi al momento

© 2011 Sacra Fraternitas Aurigarum Urbis Suffusion theme by Sayontan Sinha